IL RACCONTO DELLA GIORNATA

A consultare qualsiasi sito di previsioni meteo,chiunque avrebbe rinunciato all’uscita d’oggi. Ma il cinghiale ,si sa, è intellettualmente diverso, e, vantando un quoziente intellettivo di circa 200 (sommando i QI di tutto il gruppo presente) interpreta il meteo a casaccio,col risultato che l’uscita si realizza in barba al tempo (che però alla fine tiene. CINGHI 1-METEOROLOGI 0)

Siamo in otto, sette cinghiali e un ospite, Giuseppe, che speriamo tutti di rivedere. E allora bando alle ciance. Con insolita puntualità partiamo.

L’insolita immagine del SoloAssietta leader degli scalatori si ripete

Ma questa volta il gruppo è preparato. I sorrisi dicono “Conosciamo  già il finale” .

Infatti poco dopo nel percorso viene sorpreso,occhi al cielo come per dire “ormai qui solo un miracolo mi può salvare”, miracolo che non giungerà naturalmente

L’ospite perplesso sorride e medita

Saliamo dunque percorrendo irte salite per aumentare la fame .il percorso ci porta prima salire  da via Gianavello verso la panoramica. Qui giriamo per località Odin ( prima rampa dura ), entriamo quindi su sterrato e lo percorriamo fino a raggiungere e ridiscendere su asfalto le località Ponsa e Castelluzzo. Da qui nuovo sterrato per  risalire sino alla località sonagliette e di  nuovo nel bosco per imboccare un single trek sali scendi e di seguito il rampone su sterrato sino al Passel dove, raggiunta la deviazione per la Vaccera, scendiamo su asfalto fino a imboccare il sentiero per la Gheisa d'la tana per poi arrivare a Chiot d'Aiga.  Da qui tutta discesa sino ai piedi dell’ultima salita.

Iniziamo quindi l’ultima rampa di 4 km, non la solita salita al Barfè, bensi la carrareccia di servizio usata dai proprietari del rifugio per rifornire lo stesso. Tra le vittime della salita, oltre il solito summenzionato, anche Mr.Cyclette, in evidente mancanza di forma (fisica, cioè. Per il resto la FORMA, intesa come parmigiano DOC sembra esserci)…

Ruote lisce, soste per scattare foto in luoghi improponibili…le studia tutte pur di fermarsi a riposare. Che sia lui ora il custode della famigerata “PULSANTIERA”?.La foto mostra come in realtà le energie lo hanno abbandonato da tempo

Bene si comporta invece Giuseppe, nonostante la prima esperienza su sterrato e la MTB di due taglie più piccola. Cosa farà quando la MTB da lui guidata avrà la taglia adeguata? Ma, intanto, incerto se unirsi a noi, preferisce un sobrio anonimato.

Davanti, invece, un trio cavalca la salita con regolare pedalata. Si erge Pinin, il quale non solo conferma la sua forza aggiudicandosi la DURA salita, ma ribadisce un concetto: Downhill, se c’è qualcuno serio, non arriva primo manco col telescopio. Infatti giungerà secondo. E QUI C’E’ il primo giallo di giornata: Big Smile sembrava avere la piazza d’onore in mano quando…….un misterioso salto di catena lo bloccava sul più bello: solo un caso che DH gli fosse dietro e che tirasse pietre verso la catena di Big Smile? MAH........

Prove filmate non ve ne sono ma il sospetto rimane. Pinin infatti si è salvato dal sabotaggio solo perché era fuori gittata. Tuttavia le foto del "podio" al rifugio e le chiare intenzioni omicide di Big la dicono lunga

Davanti al cibo,le polemiche si placano e scoppia la pace

Downhill rimane perplesso dinnanzi alle melanzane,

....mentre Lucky Ciuk si esibisce in versione sognante “LUCKY DI PISA”.

Giuseppe invece preferisce, come si nota i tajarin al ragù di cervo (non che gli altri abbiano apprezzato meno).

Ma è ora di scendere.

Ci imbacucchiamo per bene e via!! Dopo il viottolo tecnico inizia la solita bagarre per stabilire chi sia il più bravo in discesa. Lucky Ciuk ribadisce la sua bravura con il secondo centro stagionale; capisce subito il da farsi e stacca il sabotatore Downhill .Fa bene!!! Dietro infatti di cose strane ne succedono: In un rettilineo SoloAssietta (1° fino a quel momento) sente d’improvviso appesantirsi la bici: un oscuro figuro lo sperona con le corna, gli da una gomitata e lo spinge di lato, sorpassandolo. Il video (ah ah!! Questa volta c’è la prova) inchioda il colpevole!!!

Ah Downhill , “CURA LA BICI MA UCCIDE GLI AMICI”

Pronti via!!! Camera bike di Lucky Ciuk

Sbandata controllata e via!!!

 

 

 

 

 

 

 

 

 

mtb cinghiali sui pedali

19 MAGGIO 2012

 

"INTRIGHI E SCORRETTEZZE "

 

LUSERNA SAN GIOVANNI-RIFUGIO BARFE'

km: 35 dislivello: 1079 mt.

Altitudine max: 1181 SLM

 

PERCORSO E TRACCIA (PDF GPS)